martedì 5 febbraio 2013

PREGO, MANTENERE LA CALMA

O la rumena e MR sono vicine di casa dirimpettaie.
Abitano il luminosissimo settimo ed ultimo piano di un condominio; sopra di loro il cielo; ma per vederlo lo sguardo dovrebbe spingersi oltre il soffitto o immaginarsi dipinta su questo l'Assunzione della Vergine Maria. Sul pianerottolo e lungo l'ultima rampa di scala, O la rumena ha creato una serra dove - insieme a Gea - coltiva fiori e piante di ogni specie, genere, famiglia, e ordine. Una vera selva, nella quale generalmente dopo i pasti, la leonessa Gea ("Com a crescut! Arata ca un leu! Cum se spune... pare leona, da, leona!"), e la tigre Tremor si addentrano, chiamati dalla vigorosa vegetazione, fra fitte conifere, rigogliosi rampicanti, e profumate erbacee. Si immergono nella minacciosa ed orrida oscurità delle fronde, tali e quali ad Angelica, Dante, Virgilio, e Alfieri.
Ieri sera, i due felidi si sono fermati prima. Sono rimasti immobili, l'uno accanto all'altra, di fronte all'appartamento di O la rumena. Al di là della porta l'abbaiare compiacente di un cane.
"Otello, buono! Vieni, Otello!" cerca di distoglierlo S il marito di O.
Di O, che di solito dà segni di vita schietti e indubbi, draconiani e puntuali, nessuna traccia.
(Otello? O la rumena ha comprato un cane? Lì dentro non c'è mai stato un cane. Dov'è O la rumena? Si è trasformata in un cane? Effettivamente quell'abbaiare ricorda un po' il rumeno. E si chiama O.  O il rumeno!) sogna MR agitandosi (nel senso che era proprio un sogno). 
Sarebbe bene che MR mantenesse la calma, e che cercasse di uscire indenne da un periodo non semplice, a dir poco; più precisamente, da quell'inconfondibile, indicibile, ineffabile, indescrivibile, insostenibile situazione di epocale merda professionale, quindi esistenziale, dunque, vitale. No, è che agitandosi ha sognato anche di certi Don Carmina e Giovanni Bu(rana).  
Intanto, oggi pomeriggio prova di Carmina Burana, e stasera replica di Don Giovanni. Calma, e puntini sulle i.

7 commenti:

  1. Beh, ti sei liberata della rumena, ora non c'è motivo di essere gelosa... ;-)

    RispondiElimina
  2. Sinceramente, non avevo proprio capito che il tuo racconto fosse un sogno come mi hai spiegato oggi al Mandela, vorrà dire che in sogno non sarai più gelosa di O la rumena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrà dire che mi devo spiegare meglio ;)

      Elimina
  3. Aaaahhhh :-) anche io, EmRose, non avevo capito che fosse un sogno :-) ero già preoccupato per O la rumena...trasformata in Otello il rumeno?!?!? Ahahahhahaha :-) sogno geniale...impagabile anche la reazione attonita di Gea e Tremor :-) che gran sogno di lusso, bellissimo :-)

    RispondiElimina
  4. Ma, Gilli, se io arrivo a fare sogni così assurdi cominciò a preoccuparmi. Ci deve essere davvero qualcosa che non va ;)

    RispondiElimina
  5. Altro splendido post; ma una domanda sorge spontanea: se sei TU la gelosa, come mai è O la rumena a diventare Otello? :-D Grazie per avermi fatto iniziare la giornata con un sorriso, anche immaginandomi la selva al settimo piano come un quadro di Rosseau :-)

    RispondiElimina
  6. Grazie a te, mia cara amica. E se sorridi io non posso che essere felice per te. :)

    RispondiElimina