domenica 10 novembre 2013

PERDONATELA

In chat con V.
"Ho mangiato quattordici Ferrero Rocher, ora che mi succede?"
"Come minimo passerai la nottata in bagno..."
"Cioè?"
"Ma come quattordici Ferrero Rocher!?"
"Sì, ne avevo una scatola da sedici. Ieri ne ho mangiati due e stasera, doppmla proca, gli altri quattordici..."
"Doppmla proca... aspetta che cerco un dizionario."
"Ahahaha, scusa, dopo la prova... ne avevo troppa voglia!"
"Bene, allora domani autofustigazione e cinquanta chilometri di corsa..."
"Erano lì e sono andati uno via l'altro, come i duecentocinquanta grammi di noccioline dell'altra sera. Ho letto su internet che uno ha settantacinque calorie."
"Be', siamo verso le mille."
"Sono tante?"
"Per una donna è il fabbisogno giornaliero; per te che, oddio, proprio donna non sei, corri, fai cinquanta flessioni al giorno, nuoti, fai la staffetta, la pertica, il salto in lungo e quello con l'asta, sono poche."
"Allora ho fatto bene a mangiare anche un piatto di spaghetti con le coe e una banana!?"
"Con le coe?"
"Ahahahahh, con le cozze... Oddio sono poiegata uin due dal ridere e mi sta sentendo tutto il vicinato!"
"Poiegata uin... mah! Non ti capisco, sei italiana?"
"Oddio, mentre rido la mucca mi si butta addosso... pensa che ce l'abbia con lei..."
"Scrivi come una filippina!"


Din don.
"Sì, chi è?!"
"Siamo G e M!"
"Buongiorno, G e M!"
"MR, noi volevamo salutarti, stiamo andando via. Abbiamo preso in affitto un altro appartamento."
"... ... ... !?!"
"MR, ti senti bene?"
"Eh? Sì, ve ne andate? Voglio dire, andate via? Ma torna lui? I mean, il maori?"
"MR, non sappiamo niente... ciao, è stato un piacere averti come vicina. Buona vita!"
"Eh? Ah, ok... addio!"


MR è con la mucca e la leonessa sul pianerottolo di casa. Suona alla porta di S e di O la rumena. Il suo sguardo è rivolto verso le calzature di ogni forgia, genere e aroma del maori, depositate come si faceva durante il Mesozoico nell'ingresso (di proprietà comune di MR e del maori), (MR, non guardare, MR non annusare! MR, non sclerare!) Lo sguardo è altresì rivolto verso pennelli, contenitori di vernice, trabattello, scartavetratrice rotante, il tutto sempre adagiato nell'ingresso comune (che pulisce MR) (MR, alza lo sguardo, MR, turati il naso! MR, togliti dalla manica della maglia quel coltello da macellaio!) Si aprono improvvisamente le porte dell'ascensore. Ne escono un toscano, una rumena, un maori ed una yankee.
"MR, ce faci? Cosa fare cu pisici... gattini, amoooreeee, veni la mama..."
"Ciao MR, stavi cercando noi?!"
"Sì, ciao S, ciao O."
Il maori e la yankee rincasano facendosi largo tra il vasto assortimento di scarpe e materiale per pareti (MR, non ti voltare...)
"Ecco, vedete, quei du... (NON TI VOLTARE!)"
"Va tutto bene, MR?"
"MR, sembri pazza!"
"Niente, niente, volevo solo chiedervi se sapete se quei due restano per sempre o se sono qui solo temporaneamente... guardate da voi, vi pare possibile? Il mio ingresso, nella migliore delle ipotesi diventerebbe una scarpiera. Quando ho imbiancato casa io i pennelli e le vernici li avevo in bagno, sul balcone e dentro il letto... mai avrei osato intralciare il passo ai miei vicini."
"Da, da, nu se face questo... amoooreee, mi am fatto fotografii al pisica giallo... aspettare, prendo... mi ti faccio vedea..."
"Non sappiamo nulla, MR, non ci hanno detto se restano o se riaffittano. Ma credo che ora che si è sposato si sarà calmato un po'..."
"Non mi pare, S, non mi pare! E' inutile anche che io dica loro qualsiasi cosa!"
La leonessa raffreddata starnutisce rumorosamente.
"CCCiuà, CCCiuà... ahahahahah, amoooreee, hai freddore... ecco fotografii, guardare bela... ahahahah..."
"E quando gliele hai fatte queste foto?"
"Quando este uscita.. gli è sempre qua, ahahahha... sci ii place florellini, da, profumo... è crescut codino, da, a coada mare, grande!"


Sono passati più di tre mesi dall'ultima volta che MR ha scritto su questo blog e in uno degli ultimi post diceva: "MR da cinque anni ha questo blog. Solo che, di tanto in tanto si eclissa, sciopera, finisce sotto un camion, si sfracella (uh, che inelegante espressione "si sfracella"! Meglio "va ad infrangersi")... va ad infrangersi a trecento all'ora contro qualche cazzo di muro, accantonando la sua amata creatura. Si trascina per intere settimane refrattaria a dimensione e contesto weblog. Si distrae dalla sua passione per la scrittura, preoccupata unicamente di tutto ciò che si va consumando fuori da questo posto e soprattutto dentro la sua vita professionale - ai massimi storici della criticità -, esita fiacca al richiamo del raccontarsi. Pur conoscendo il rischio che mancanza di impegno e incostanza possono arrecare alla sua amata creatura, MR ultimamente ricade spesso nella stessa trappola, nella medesima trama. Esula, si discosta dallo sfrenato desiderio di affacciarsi a questa finestra, su questo mondo un po' parallelo e un po' no..."
In questo lasso di tempo, un po' più lungo del solito, MR ci ha riprovato.
Ma, resa opaca ed insoddisfacente causa irrequietezza, disordine professionale e quindi esistenziale, contenuti dimessi, forma sciatta, l'hanno sviata e distolta. Oggi, però, senza pietà per se stessa e con un po' di ruggine e sfacciataggine, ha avuto l'indecenza di tornare a voi.
Perdonatela.    

15 commenti:

  1. ciao MR, bentornata, in qualunque situazione tu sia.)
    L'hai fatto alla grande, simpaticissimo e divertentissimo racconto, come sempre,
    Non buttarti troppo giu', sei mitica, spero che si sistemi tutto o almeno qualcosa nella tua vita in modo che tu possa tornare piu' spesso,
    ciao baci rosa, buona domenica.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao rosa. Grazie della tua sempre gradita visita e del commento. Spero di riuscire a scrivere di più... È un piacere per l'anima, qualsiasi cosa si butti giù. Baci.

      Elimina
  2. EmRoooooseeeee!!! :-) ben ritrovata, che bello rileggere le tue parole :-) spero sia un ritorno con regolarità :-) lo smalto narrativo ce l'hai intatto, e le buffe avventure di Gea a Tremor sono sempre irresistibili...per non parlare di O la rumena :-)

    Spero di rileggerti presto....so che quando non se ne ha voglia, è dura scrivere, ma a volte basta mettersi lì davanti alla tastiera, anche se si teme di non avere idee...ci si mette a scribacchiare e poi le cose vengono fuori...è come un lenitivo dell'anima :-)

    Bacini pisichi :-)

    RispondiElimina
  3. Giliiiiii, bentornato! Non potevo tralasciare o la rumena con il rientro! ;) spero solo di non dover scrivere ancora sul maori, lì ci sarebbe da piangere e noi qui invece vogliamo solo ridere, no? Baci.

    RispondiElimina
  4. ..ma 15 cioccolattini non sono tanti..
    Un abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non sono tanti (mi hanno provocato il reflusso gastro-esofageo). Un abbraccio, maurizio.

      Elimina
  5. Perdoniamo eccome..almeno noi, che come MR ogni tanto lasciamo le vecchie storie a riempire le pagine non scritte, non ancora; a suonare l'attesa di quelle pagine che riempiamo fuori da questa dimensione, perché un giorno così, mesi dopo, MR e noi ci si rimetta a scrivere :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lila, che piacere rileggerti! E questo fluttuare scrittorio mi fa incavolare troppo! :( un bacio

      Elimina
  6. Perdonatissima... Un abbraccio a te e micioni <3

    RispondiElimina
  7. Grazie, amica! Ho paura di avere ancora troppo poco slancio. Si starà a vedere. <3

    RispondiElimina
  8. quasi mi mangerei un ferrero rocher per festeggiare il tuo ritorno :)

    RispondiElimina
  9. Ciao MR,
    mi piace come scrivi, perciò continua ad avere l' "indecenza" di postare qualcosa e cerca di non allontanarti troppo in futuro *__^
    Cordialità.

    RispondiElimina
  10. Sono sparita anche io dal blog, ma per un mese o poco più. Non so dove sia finita nel frattempo.
    L'importante è ritornare.

    RispondiElimina
  11. ... e ora che invece son due anni che si deve dire?

    RispondiElimina