giovedì 8 novembre 2012

E' SEMPRE COLPA DI

Se per un figlio ribelle la colpa è sempre del padre, e per una figlia dalla difficoltosa adolescenza sempre della madre, vita natural durante, se per un detrattore di Berlusconi la colpa è sempre di Berlusconi, se per la soap opera Beautiful la colpa è sempre di Brooke, se per la adsl sulla linea telefonica di MR la colpa è sempre del modem, se per il calcio la colpa è sempre della Juventus, quando si vive con uno o più gatti la colpa è sempre imputabile a loro.
"Dove diavolo sono le cuffiette del mio Ipod?!"
"Chi ha sfilacciato l'orlo del tappeto persiano?"
"Chi ha rovesciato la terra fuori dai vasi lungo le scale del condominio?"
"Dov'è il mio orologio da polso?"
"Dove è finito il mio solitario?"
"Chi ha impiastrato di farina la tastiera del mio pc?"
"Dove è sparito il mio avanzo di pollo arrosto di ieri sera?"
"Che fine hanno fatto gli ultimi due tampax che erano rimasti nella scatola?"
"Dove sono i tappi dei sanitari?"
"Chi ha scoreggiato?"
"Dov'è finita la mia micrococcinella portafortuna?"

MR si pone quesiti esistenziali di questa portata quasi tutti i giorni, guardando dritto nelle palle degli occhi le sue due bestie, ed intimando loro che con queste cose non si scherza.
I loro sguardi, panzanamente interrogativi, fraudolentemente smarriti, immoralmente e falsamente innocenti, non lasciano trasparire tracce di responsabilità, e non fanno emergere indizi sulla propria colpevolezza.
A MR non resta che fare mente locale. Dalla propria mente locale, questa volta, MR ha arguito che:
le cuffiette dell'Ipod erano nelle tasche del giubbino da footing; che il piccolo nodo sfatto lungo l'orlo del tappeto persiano si sta aprendo, sfilacciandosi, a furia di spazzolarlo; che la terra fuori dai vasi l'ha fatta cadere O la rumena mentre faceva giardinaggio sulle scale: "Plantelor jacinto... cum se dice, fiorellino cresc... lalele, tulipane. Apoi pulire terra, da, eo... io... me..." per tornare a pulire dopo quattro ore; che l'orologio da polso lo regalò a mamma V perché, pur volendoci riprovare,  MR non lo sopporta; che il solitario era sprofondato nel cassetto dei sogni insieme al sogno di un'estate eterna, ai bugiardini ingialliti, alle piastrine di zanzare usate, ai fazzolettini sbrindellati, ai mollettoni senza denti con i capelli attaccati, e alle tre arachidi secche; che sulla tastiera del pc c'è un dito di polvere; che l'avanzo di pollo che la sera prima aveva condiviso con Gea, la quale aveva molto gradito, era in fondo al frigo occultato da un gigantesco cavolfiore; che gli ultimi due tampax non erano sotto la lavatrice insieme alle palline magiche, e ai campanellini del coniglietto di cioccolato della Lindt - nascondiglio interdetto a MR, che, causa la sua parsimonia ed economia nello spostare il pesante elettrodomestico, raramente è sottoposto a verifiche - ma nella borsa; che i tappi dei sanitari erano ad asciugare, dopo averli scrostati con l'anticalcare, sui termosifoni; che se la lettiera non si pulisce ad ogni pestilenziale defecazione, quando si rientra in casa non c'è deodorante per l'ambiente al bouquet di rose inglesi e ortensie che tenga; che la micrococcinella portafortuna era sotto la base del paralume perché da lì agisce indisturbata.

10 commenti:

  1. E' proprio arrivato il momento che ti trovi un marito. Poi vedrai di chi sarà LA COLPA!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. preferisco darla ai gatti (la colpa) ;)

      Elimina
  2. Ehm..!
    Questi problemi "esistenziali" tolgono il respiro.
    Roba da Camel Trophy..!
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero, mago? polmoni intasati! ;)

      Elimina
  3. Risposte
    1. sì, stare più attenta, avere più soldi, essere bellissima, etcetera etcetera ;)

      Elimina
  4. Ahahahhahhaaha :-D FORTISSIMA, EmRose!!! :-D
    Come giustamente dice il Mago, una simile raffica di crucci esistenziali è roba da fare tremare le vene ai polsi :-)

    E' un vero "crescendo wagneriano" di drammaticità :-) che raggiunge l'acme nel decimo, roboante quesito :-) per poi distendersi nella surrealtà dell'undicesimo ed ultimo :-)

    Ho trovato stupenda questa espressione: "...I loro sguardi, panzanamente interrogativi..." :-) dicono più queste due parole sul carattere dei gatti, di un intero manuale di etologia :-)

    E poi è ricomparsa la mia vicina preferita, O, col suo linguaggio buffo e strampalatamente simpatico :-)

    Insomma: uno dei tuoi scritti più spassosi di sempre :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi fa piacere, caro gilli, che tu diverta tanto. è quello che spero arrivi a chi passa da queste parti, non fosse altro per il fatto che io mi diverto molto ;)

      Elimina
  5. poveri cocchi ! però è vero,nel 99% dei casi sono loro i colpevoli !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ora poveri, silvia.. posso capire cocchi ;)

      Elimina