sabato 24 novembre 2012

TRASGRESSIONE

MR non sa trasgredire; quindi, non trasgredisce quasi mai. Non lo fa per principio, per precauzione, per l'impettita e inflessibile educazione ricevuta, per pusillanimità, per senso di colpa. Non essendo, dunque, un talento, quando le capita di trasgredire - perché principi, precauzioni, educazione, pusillanimità, e senso di colpa, succede che nella vita scricchiolino, cedendo - l'insuccesso (associato ad una buona dose di sfiga) è pressoché assicurato.
Venerdì sera, al rientro a casa da una lunga giornata di lavoro.
MR è in scooter, stanca, insofferente al traffico.
Quando MR è in scooter, stanca e insofferente al traffico, c'è un divieto di accesso che accorcia le distanze, la fa arrivare prima a casa, demolisce in un istante integrità e rettitudine, e sgretola del tutto la sua più o meno irremovibile incorruttibilità. Diventando bersaglio facile per una trasgressione, tutto sommato, da poco, MR, con audacia, baldanza, e attenzione, infila il divieto di accesso. Ieri sera, MR ha incontrato l'insuccesso. Era alla guida di una macchina catorcio, l'ha stretta - quasi investendola - addosso alla fila di auto parcheggiate bloccandola, ha aperto il finestrino, MR gli ha urlato contro un'invettiva che le è morta sulle labbra quando ha visto che l'insuccesso indossava una divisa della polizia. E' sceso dal catorcio, non della polizia ma privato, ha guardato negli occhi di MR intimidendola, ricoprendola di reprimende, gridandole che se non fosse passato lui in quell'istante lei avrebbe fatto come cazzo voleva, e non rassegnandosi a questo inaccettabile fatto. Lui fuori dalla grazia di Dio, lei paralizzata dall'ansia; lui furente e incapace di sopportare la negligenza di lei, lei annichilita dalla esasperazione di lui. MR cerca un approdo, un faro che illumini la sua mente, un salvagente nell'imminente naufragio. Riesce a farfugliare appena un "Ma, sa, veramente, stavo... ero... scusi... non aammmhgghnnnhgh".
L'insuccesso, spossato e sfiancato, rientra nel catorcio, con uno scatto d'orgoglio e la promessa dell'invio del verbale a casa. 
MR inquieta, spaventata, con il senso di colpa alle stelle, si rimette sulla strada, ancora per un piccolo tratto in senso vietato, tremando come un coniglio, e piangendo come una fontana.

PS Ecco come sono addestrati i poliziotti: a terrorizzare, a sottoporre a soprusi psicologici, quando non si arriva direttamente ai manganelli. Peccato non aver avuto prontezza di spirito. 

14 commenti:

  1. La nostra MR con le orecchie basse e il poliziotto sullo stomaco.
    Pentita di essere stata colta in castagna e non del fatto che combinava un'infrazione che poteva essere pericolosa.
    Tipica italiana con educazione cattolica e anche un po' mafiosa.
    Questo non vuole essere un rimprovero, ma una constatazione della realtà che ci circonda e ci opprime ogni giorno.
    MR non è stupida, ha imparato la lezione, la prossima volta passerà direttamente sul marciapiede..!
    :-)

    RispondiElimina
  2. P.S.: Coraggio dolce MR, la vita continua. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mago, mi vuoi sposare? ahahahahahahah l'ho fatto spesso... no, non sposarmi, ma passare sul marciapiede con lo scooter, sai com'è, quelle volte in cui quasi quasi trasgredisco ;) e dire che ieri per tutto il giorno mi ero comportata benissimo: non avevo preso l'acqua gratis dando una botta alla macchina erogatrice da dove la bottiglia era in bilico; non ho fatto uscire la gea sulle scale per evitare che grattasse sulle porte dei vicini... che cavolo mi va a succedere per ripagarmi di una banale disobbedienza?? comunque, sto bene, mago, e poi tu mi fai troppo ridere!! baci

      Elimina
  3. Sposare magocamillo non è facile.
    Devi sapere che il fetentone se la gode alla grande.
    Vive in un eremo paradisiaco e come dice il Corano si gode i "giardini di delizie", tra "fanciulle modeste di sguardo, bellissime di occhi, come bianche PERLE celate.....
    Rendo l'idea..?

    RispondiElimina
  4. Allora meglio non sovvertire questo ordine di cose e non trasgredire a queste regole. ;)

    RispondiElimina
  5. Mai offrire il destro a uomini in divisa, specie se graduati. Spesso oltre che accuratamente addestrati a fotterti, sono dotati di sorprendente ottusità! Un generale è assai meno pericoloso. Niente di peggio che un caporale di giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente non mi è sembrato brillasse per acume.

      Elimina
  6. Povera MR, purtroppo quando incontri un mastino non è facile dialogare con lui, meglio stare zitti, comunque non credo ti mandi la multa a casa ma se lo fa potrai contestarla benissimo.

    p.s.
    per quanto riguarda mago Camillo, ti ricordo che è già promesso a me!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mago è già tuo? Allora mi pento e mi dolgo e se vuoi puoi farmi un verbale ;)

      Elimina
  7. no mio non è, ci spero sai com'è.

    RispondiElimina
  8. EmRose, non preoccuparti, ti sposo io :-) Facciamo il viaggio di nozze a New York, ti porto sulla quinta evenue in contromano su una lambretta smarmittata...sgommiamo davanti a Tiffany, scampanellando per farci portare fuori cappuccino e bomboloni :-) Poi andiamo a Wall Street ad urlare: "la crisi noi non la paghiamo!!!" e disseminiamo la strada di fialette puzzolenti :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gilli, il mio SÍ è assicurato ;) grazie! Baci

      Elimina
  9. Hai conosciuto un coglione vestito da poliziotto, io ho conosciuto un coglione vestito da meccanico che mi ha fatto la stessa identica scena...
    I coglioni sono tanti, che ti credi?
    E parecchie volte la divisa aiuta...
    Anche quella da SuperMarioBros!!!

    RispondiElimina
  10. Sì, strega, sono così tanti che te li ritrovi inaspettatamente in ogni dove. ;)

    RispondiElimina