domenica 7 aprile 2013

SCRITTURA RANDOM

Da un po' di tempo a questa parte MR non è qui.
No, non qui sul blob da dove manca - fortunati voi - solo da qualche giorno; non è qui e neanche solo da un po' di tempo. 
MR, sembra sia dove dovrebbe essere ma in realtà non è così. 
Ricoperta da un velo, non sempre invisibile, di sfinimento mentale ed umorale - causa significativo, ragguardevole, incalcolabile, pregevole periodo di merda - ora cade in sonni ecatombali, ora decide di farsi inghiottire dai viaggi immaginari della lettura, ora si immerge nella visione di film prevalentemente di genere horror-thriller-giallo-noir-paranormale-pazzia, ora affoga le preoccupazioni in rendez-vous con amici e leccornie di ogni ordine e grado, ora scrive.
Illusioni leggere e spensierate a fare da contorno alla amara quotidianità.
Oggi per contorno ha scelto di tornare a voi qui, sul blob.
Malgrado il sonno incoercibile, malgrado la corsa al parco che incombe, malgrado non sappia proprio cosa scrivere.
Scrivere, anche non sapendo bene cosa, però, è salvifico, liberatorio ed efficace.
Elimina, anche solo temporaneamente, anche per un illusorio attimo, da stress, ansie e manie di persecuzione. Nei prossimi post, MR raccoglierà le idee e ritrovata l'ispirazione, non mancherà di trattare dei benefici del sonno assassino, dell'animo avventuriero che la spedisce selvaggiamente da un capo all'altro del mondo via lettura, delle anomalie con le quali folleggia davanti ad uno schermo, della giacobina che è in sé e che non riesce a trattenere davanti alle tavole imbandite.
Oggi, invece, scriverà random.
Tempo fa, MR lesse di un certo Paul Wilson, guru australiano del relax, secondo il quale, nel giro di soli tredici minuti (il tempo necessario per preparare e bere una tazza di tè) si può trovare la serenità. Senza doversi necessariamente astrarre, alienare, o appartare che dir si voglia, dalla vita quotidiana, attraverso un semplice metodo di meditazione, è possibile il raggiungimento di uno stato di benessere fisico e mentale. Rapidamente, efficacemente, neanche in eremitaggio, tutti i giorni, in ogni dove, in qualsiasi momento. Il Sig. Wilson tratta il tutto in un libro intitolato LA QUIETE. Non adatto ad un pubblico dall'anima caparbia - al quale appartiene MR - e con leggere tare relative alla riflessione profonda finalizzata alla ricerca della verità e della calma - che la riguardano molto da vicino - MR decretò che non fosse roba per lei. Lesse tutto ciò nella sala d'attesa di uno studio foniatrico, dove si recò per una visita di controllo, dopo una mattinata senza aver profferito verbo, dopo una navigazione su internet a colpi di immagini e foto di corde vocali di dubbia natura, con noduli, polipi, granulomi, paralisi, edemi, tanto per rassicurare il suo sistema nervoso. Immaginò la dottoressa che doveva visitarla mostruosa, insensibile, scorbutica, nevrotica, stronza.
(No, non ce la faccio ad affrontarla, sarebbe un'impresa al di sopra dell mie possibilità, non me la sento, mi dirà cose bruttissime sulle mie corde vocali, non posso permettermelo, non ora, non oggi. Ho anche parcheggiato male, mi faranno la multa, me ne vado.)
"Sig. MR , buonasera, prego si accomodi!" esordì la foniatra con fare gentile, e sguardo al di sopra degli occhiali.
"(Oddiooo!!!) Buonasera, grazie!"
"Oh! Cantante lirica! Soprano?"
"No, mezzosoprano!" rispose MR traboccante d'orgoglio e d'ansia.
"Ah, no, perché la vedevo tutta dritta e magrina, mi dica tutto!"
"E' un'eterna sfida, ma ci difendiamo anche noi mezzosoprani. Ho la tracheite, catarro, tosse, comincio a soffrire di ansia depressiva, e il dentista mi ha consigliato di mettere il bite per sei mesi perché digrigno i denti. Mi sono ingozzata di aerosol al cortisone, ma non sono guarita, che cosa ho?"
"Capisco." sussurrò placida con lo sguardo al di sopra degli occhiali.
"(Allora se capisce mi dica qualcosa di buono almeno lei!) Che cosa ho?"
"Calma! Il cortisone per aerosol non ci piace, ed inoltre fa venire la candida."
"In bocca?"
"Esatto, in bocca! Soffre di qualche forma allergica?"
"Sì, orticaria da stress, da nichel, da forfora del gatto, da uomini. E poi di rinite allergica e vasomotoria!"
"Capisco! Venga MR sediamoci qui e tranquillizziamoci."
"Qui!? Vicino agli strumenti rivelatori?"
"Apriamo la bocca, tiriamo fuori la lingua, diciamo eeeee!"
"Eeeeeeeeeeeeeeeee!"
"Siamo ancora congestionate, le do una curetta per sfiammare, ed uno spray per la rinite. Tra una settimana saremo guarite!"
"E le mie corde? Come stanno le mie corde?"
"Bene, benone! Sono lunghe e sottili, si adducono e si tendono bene, non vi è alcun tipo di anomalia."
"Allora non ho polipi, noduli, paralisi!" esultò, MR, fiera di aver trovato provvidenzialmente nella foniatra  un'alleata.
"Ma no, cosa dice?"
"Allora siamo salve, stiamo bene, dottoressa?"
"Buona serata! E per due tre giorni non cantiamoci su!" fece affabile con lo sguardo al di sopra degli occhiali.
In un'epoca declinante come quella che stiamo vivendo, tenere alta la guardia dello stress dà sapore alla vita, altro che ricerca della quiete!

Due inverni fa.
"Pronto, parlo con MR? Sono il tecnico dei riscaldamenti del condominio. L'ufficio mi ha riferito che ha chiamato... i suoi termosifoni hanno qualche problema?
"Ah! Buongiorno! Sì! Devono essersi formate delle bolle d'aria all'interno, da due giorni non si scaldano più uniformemente, si sente il gorgoglio dell'acqua, e non essendoci la valvola di sfiato credo occorra l'intervento di una mano esperta. Viene ora? Qui si gela!"
"No, ora no! Ho altre chiamate. Lei ha qualcosa con cui scaldarsi momentaneamente? Non so, una stufa elettrica, un caldobagno, una borsa d'acqua calda, un plaid!?"
"Sì, ho i condizionatori d'aria con la pompa di calore, e il forno elettrico."
"Benone! Credo potrò venire domani. Preferisce mattina o pomeriggio?"
"Nel pomeriggio parto per la trasferta a Piombino. C'è il concerto al Metropolitan, in programma due messe, una di Schubert e l'altra di Puccini, la partenza è fissata per le 16.30... roba da perdere l'autocontrollo!"
"Come?"
"Mattina, preferisco la mattina! A che ora viene?"
"Vengo alle otto."

Sempre due inverni fa.
MR è una creatura sommamente estiva; MR ha un'istintiva e naturale avversione per la brutta stagione ed il suo avanzare; MR per questo si stressa; MR se si stressa commette gaffe di ogni genere; MR in inverno è un'eccellente gaffeur; MR in un giorno di quell'inverno sfornò una gaffe di pregio;
MR chiese, incautamente e pubblicamente, ad una truccatrice del teatro se fosse incinta.
MR si è sentì un'idiota integrale quando la truccatrice del teatro rispose di no.
MR  cercò di convincere se stessa che fu tutta colpa dello stress.

L'anno scorso, in pizzeria con gli amici dopo le vacanze estive.
"Come è andata la caccia quest'estate?"
"Bene, ho conosciuto un gommista."
"Mh, ed era romantico?"
"Sì, pensa che mi ha regalato due copertoni a tasselli larghi e resistenti alle forature."
"Vado al bagno, scusatemi!"
"Minchia! E' andata via la luce!"
"Come hai fatto in bagno senza luce?"
"Ho ricevuto un sms proprio nel bel mezzo del buio, e, illuminandosi, il display ha centrato insieme ad altro il water!"
"Mammamia, questi cellulari, anche se non avessi ricevuto l'sms sarebbe stato illuminante. Neanche un compromesso!"
"Un compromesso è tale o non lo è, che ne pensi MR?"
"Sì, certo, si discute, si concede, si concorda. Capillarmente. Leggerei alcune obbligatorietà come estenuanti; poi c'è un senso, il senso... quello nobile della faccenda."
"MR, parla come t'ha fatto mammeta!"
"E' che sto allenando la mia dialettica. Scrivo, e allora... "
"Scriviii? E che scrivi?"
"Ehm... , no, niente... "

In una delle innumerevoli chat con V:
"Caio! Alloar, cosa manig oiggi?"
"MR, ma che sei chattslessica? Confessa, chi ti scrive i testi del blog?" 

16 commenti:

  1. "Chatslessica" non l'avevo mai sentito,penso di esserlo anche io, ad ogni modo.

    Capita anche a me di essere latitante sul blog (ma per periodi molto più lunghi). Certe volte non so cosa scrivere, ma nonostante questo mi impongo di fermarmi almeno cinque minuti di fronte ad un foglio bianco. Ogni tanto mi va bene,inizio a scrivere di tutto e ne escono fuori anche dei post sensati.
    Altre... beh, chiudo la pagina e vado a fare altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! La mancanza di ispirazione è orribile. Se poi è accompagnata dalla voglia irrefrenabile di scrivere diventa una tortura. Comunque, sul tuo commento hai indugiato quel tanto che basta... Per un simpatico ed ispirato commento ;)

      Elimina
  2. Ehehehhehe :-) ti trovo in forma narrativa smagliante, cara EmRose :-) una raffica di dialoghi in puro stile MR, uno più divertente dell'altro...con MR, in veste di personaggio, è come se ci facessi vedere come sono diventati i bambini dei peanuts da grandi :-) sempre super-adorabili e incasinati :-)

    Bacini Charlie-browniani :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, e allora io questa forma narrativa smagliante che vedi tu, caro Gilli, la scambio per scrittura selvaggia. Del resto io lo sono... Selvaggia. ;) baci

      Elimina
  3. adoro la scrittura random! ^^
    chatlessica me lo segno, lo sono anche io spesso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dell'incoraggiamento, cara. :)

      Elimina
  4. Ciao MR, consolati anch'io devo essere chatslessica, scrivo spesso cosi', un po' perche' non ci vedo, un po' perche' non rileggo, simpaticissimo post, grazie, hai una verve formidabile nonostante tutto, lo stress ci fa perdere un po' la luciidita' per cui le gaffe sono all'ordine del giorno, ma sono simpaticissime.)
    complimenti sempre divertente, buona serata a presto rosa.))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono chatslessica per gli stessi tuoi motivi e poi perché veramente le mie dita ad un certo punto non seguono più il comando che parte dal cervello. Mi fa piacere che tu diverta, rosa, del resto, io divertendomi scrivendo punto proprio a che lo facciano anche gli altri. A presto.

      Elimina
  5. sei irresistibile!mi piace tanto l'autoironia che accompagna ciò che scrivi...io non avevo mai sentito parlare di allergia alla forfora del gatto, indagherò!

    RispondiElimina
  6. Grazie, Sara. Lo trovai scritto sul referto dopo gli esami allergologici, tra le altre cose c'era mica il pelo del gatto... No, la forfora! :-O

    RispondiElimina
  7. Beh, per non sapere cosa scrivere di cose ne ha scritte tante, complimenti. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' a casaccio ;) grazie, arthur.

      Elimina
  8. Son approdato qua, gentile amica, animato dalle migliori intenzioni, volevo leggere tutto ed arrivare alla fine di questo bel brano, ma ho dovuto fermarmi, perché - riconosco i miei limiti - mi sono imbattuto in termini troppo complicati per me: "ecatombali"; "umorali"; "random", "foniatrico", etc.
    Confesso che è troppo per uno che ha fatto solo le medie, alle scuole serali.
    Dunque, mi ritiro in buon ordine, ma prometto che tornerò; il tempo di farmi tradurre il tutto da un amico diplomato.
    Un cordiale saluto.
    .
    .
    .
    .

    P.S.
    Complimenti per la simpatica ironia.
    ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evviva la sincerità, guardiano! Questa a però è facile, eh!?

      Elimina
  9. Che bella scoperta venire qui!
    Se può farti sentire meglio,io sono allergica alla forfora... del cane :)(ed ho un cane!)
    Da oggi ti seguo a random... :)

    Ciao Anto

    RispondiElimina
  10. allora confermi! esiste l'allergia alle forfore dei nostri amici! grazie, anto!

    RispondiElimina