mercoledì 6 marzo 2013

TENORI

Su questo blob..., blog (MR ormai sta meditando sull'idea di cambiare il titolo "Oceani Capovolti" in "Blob..., Blog") passano, bontà loro, alcuni colleghi di MR. Sono soprattutto tenori.
Sapete, no, cosa sono i tenori? Quei maschi che cantano, con voce acuta e stentorea, su vette impervie, come faceva Pavarotti; quelli che anche parlando hanno voci che entrano come razzi perforanti dentro i timpani; quelli ai quali Berlusconi restiuirebbe il cervello, perché pare che, per una strana e misteriosa legge naturale, sia stato conservato nella formalina; quelli che se parli con loro mostrano purezza, candore, e incanto; quelli che se cerchi su Google "tenori" ti viene fuori barzellette divertenti; quelli a cui, per capirci, Antonio Albanese fa cantare 'Nto culu.
Stamattina, uno di questi tenori ha chiesto a MR di scirvere un post su di loro.
Inutile negarlo, e stare a raccontarsi storie, i tenori costituiscono una categoria a sé. Sono identici a se stessi, si crogiolano consapevoli  nei loro buchi neri, devono sentirsi ripetere continuamente e compulsivamente le stesse cose perché le capiscano e se le capiscono, guai a cambiare parole, sono spesso felici e protagonisti come bambini, si aprono agli imprevisti della vita con invidiabile serenità, quando non sanno a quale santo votarsi si sfogano facendo acuti. Ma la loro specificità è l'essere irraggiungibili. Un tenore non lo freghi mai: non nella freschezza delle trovate né nella innocenza delle pensate. La loro è una casta, un ordine; si inventeranno presto un albo. Per loro sono state composte le romanze d'opera più belle, ma anche le più sfigate. Un tenore affronterà sempre ruoli di cornuto, di senza palle, di splendido che poi muore sgozzato, suicida, decapitato, incenerito; o che per fare l'eroe, se lo mette sotto sale, e non gli interessano più le varie Violette, Mimì, Carmen, Leonore, Adine, Dalile, salvo, dopo il rincretinimento, uscire dalla nebbia e tornare a strisciare ai piedini di queste spesso pronte a schiacciarli.
Il melodramma è assurdo per antonomasia, ma i tenori fanno la loro bella parte per rendere il tutto un gran bordello dove non si sa più che pesci prendere.
Per fare un esempio di tenore nell'opera, si potrebbe accennare a Federico lo strafigone. Cosa fa costui? "Ora mi innamoro di una certa boh di Arles (cioè questo perde la trebisonda per una che nell'opera neanche appare), e capoccione come un mulo decido di sposarmela. Se poi viene fuori che questa è una stramaiala e scostumata che la dà a un altro, entro in depressione. Male che vada, mi metterò a dormire, perché non vorrei che la depressione si acutizzasse, e perché non si può stare svegli avendo il dolce suo sembiante sempre davanti agli occhi, e dolori da tutte le parti. Ma se non prenderò il pasticcone, so già che non ci riuscirò. Ad ogni modo, come ogni uomo su questa terra, tenore o non tenore, mi consolerò subito con un'altra, meno sventola della sconosciuta, ma comunque me la sposeró. Se nel frattempo dovessi avere notizie di quella tr..., di quel dolce sembiante, che mi sconvolgeranno mi suiciderò, non so ancora se impiccandomi a questa trave sopra la mia testa o se bevendo dell'arsenico." Alla fine sceglie di buttarsi da una torre.


Per fare un esempio di tenore nella vita si potrebbe accennare ai seguenti detti:

Dov'è che risuona la voce di un tenore?
Dove ci dovrebbe essere il cervello.

Come ti accorgi che un tenore è morto?
La bottiglia del vino è ancora piena e il giornaletto a fumetti non è stato aperto.

Qual'è la definizione di un quartetto maschile?
Tre uomini e un tenore.

Quanti tenori occorrono per cambiare una lampadina?
Quattro. Uno cambia la lampadina e gli altri tre a lagnarsi che avrebbero potuto farlo se avessero avuto gli acuti.

Avete sentito di quel tenore che annunciò che nella stagione successiva avrebbe cantato solo tre ruoli-titolo: Otello, Sansone e Forza del Destino? (Storia vera)

Un neuropsichiatra, in cerca di materia prima per le sue ricerche, entra in un negozio di cervelli e si informa sui prezzi. "Abbiamo cervelli di laureati a dieci Euro l'etto - dice il proprietario - e cervelli della NASA a cento Euro l'etto. E proprio oggi sono arrivati dei cervelli freschi di tenore." A quanto?" "Mille Euro l'etto." "Ma andiamo, perché così cari?" "Beh - risponde il proprietario - sono nuovi, mai usati!"

Mirandosi in uno specchio magico, al quale dire solo la verità pena la sparizione, un baritono dice: io ho una voce che si estende per tre ottave! Puufff... e il baritono sparisce; è la volta del soprano che con voce modulante dichiara: io ho una voce da drammatico d'agilità! Puufff... e il soprano sparisce a sua volta; ed infine il tenore che con convinzione afferma: io pens.. Puufff e il tenore sparisce.

Che poi, MR i tenori li adora, e piacerebbe a lei stessa essere un tenore, anzi, sta lavorando sodo per entrare nel club ad honorem (è che ne deve combinare davvero tante!)

23 commenti:

  1. strano che tu non abbia accennato al fatto che il tenore di solito è alto/basso poco più di un metro e di solito pesa la metà del soprano a cui dichiara eterno amore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, spesso è così... non nel caso del tenore del video, però... slurp! ;)

      Elimina
  2. Mica posso fare tutto io... Questo è il mio via; scatenate l'inferno! E l'inferno scatenato dai tenori è un paradiso! ;)

    RispondiElimina
  3. tu temi vendette spietate domani mattina durante la generale!

    RispondiElimina
  4. dovrei temere vendette in ogni istante della mia vita, ma quello che altri vedono grigio io vedo rosa e si sente. anonimo chi? forse tu temi! ;)

    RispondiElimina
  5. l'unico che ti legge

    RispondiElimina
  6. ahahahahahaha, l'unico non tenore. ma tu secondo me saresti un tenore.

    RispondiElimina
  7. infatti ho una psinapsi ogni 20 minuti

    RispondiElimina
  8. ahahahahahaha, ma anche per il timbro di voce, intendevo!

    RispondiElimina
  9. Il tenore di questo post mi insospettisce!! ahahahah :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a quale tenore ti riferisci, mauro? non fare il tenore! ;)

      Elimina
  10. In quanto tenore avrei chissà quanto da dire ma, l'argomento mi paralizza le meningi. So che però qualcuno dubiterà che io le abbia. Che vitaccia fare il tenore!

    RispondiElimina
  11. effettivamente per un tenore dichiarare di averle è sospetto. però nella vita succede che senza cervello sia mille volte meglio che con. ;)

    RispondiElimina
  12. Questa mi è piaciuta da matti, EmRose: "..."tenori"..., quelli a cui, per capirci, Antonio Albanese fa cantare 'Nto culu..." :-)

    Ahahhahaha...Definizione illuminante nella sua fulmineità :-) Cosa si può dire di più preciso ed esaustivo?...Nulla :-)

    Personalmente, nella mia classifica (seria) di tenori, metto al primo posto Placido Domingo...in quella faceta invece, nessuno supera il gran maestro Enrico Pallazzo :-D quello di "Una Pallottola spuntata", che doveva cantare allo stadio, e dopo un parapiglia causato da pseudo-attentatori, rispunta tra la folla, dalla quale si eleva un grido imperioso: "Ma quello...è Enrico Pallazzooo!!!" :-) ahahahhaha, che momenti indimenticabili :-)

    Provaci magari, EmRose, con qualcuno dei tuoi colleghi...senza dare troppo nell'occhio, te ne vieni fuori col la fatidica frase: "Ma quello...è Enrico Pallazzooo!!!" :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caspita, gilli! ho cercato su youtube e c'è un video dell'illustre pallazzo che non conoscevo... grazie della dritta, e va bene, proverò con la fatidica frase,e ti farò sapere ;)

      Elimina
  13. Ehehehhehe :-) era una citazione molto "dotta" e ricercata, la mia, cara EmRose :-)...tra l'altro, non mi ricordavo bene la dinamica della scena e l'ho rivista pure io :-)..Leslie Nielsen, prima si sostituisce ad Enrico Pallazzo :-) fa una figura barbina cantando l'inno americano, poi, passate varie scene, quando, camuffato da arbitro da baseball, sgomina il birbaccione di turno, e alla fine si leva la maschera protettiva da arbitro, uno dal pubblico emana la fatidica sentenza. "Ma quello...è Enrico Pallazzo!"...ehehhehehe...niente, era solo un mini-riassunto di questo imperdibile momento della "storia della musica" :-)

    Bacini pallazzi :-)

    RispondiElimina
  14. ahahahahahaha, un momento preziosissimo della storia della musica lirica. chisà che non sia divertente tutto il film? magari lo scarico. comunque, grazie! baci acuti.

    RispondiElimina
  15. Certo che hai postato un figone di Federico di nulla, tu sì che te ne intendi di tenori....

    RispondiElimina
  16. Ehehehe, e se tu approvi mi sa che te ne intendi più di me ;)

    RispondiElimina
  17. https://www.facebook.com/photo.php?fbid=404150042950579&set=t.100000461949511&type=3&theater

    RispondiElimina
  18. se volete farvi due risate sull'argomento "tenori" (e non solo) visitate su facebook "restituirò - lirica"
    :-)

    RispondiElimina