sabato 22 giugno 2013

DI SCELTE FORTI E MODERNARIATO

In questi giorni MR è impegnata nella messa in scena dell'opera Macbeth di G. Verdi. È una delle diciotto streghe.
"Vorrei che le streghe rappresentassero la coscienza putrescente di Macbeth! Sarete un mix spaventoso e disgustoso di volgarità, di sporcizia e di grottesca sensualità. Sarete brutte, vi drogherete, avrete rapporti promiscui fra voi. Sarete truccate e vestite come Amy Winehouse. E ballerete. Proviamo subito le danze tribali!"  spiega con entusiasmo il regista alla prima prova di scena. Qualche giorno dopo, la questione si fa angosciante con la prova costumi. In un testa a testa, anzi, più un braccio di ferro, meglio, un dialogo fra sordi, laddove i sordi sono un audace quanto sfrenato costumista e MR:
"Mmmhhh, ecco provi questi!" esclama il sordo porgendo alla sorda una gonna tubino a mezza coscia ed una blusina stile bebè, bianca, trasparente, impreziosita da insolenti volant applicati in lungo dalle spalline alla vita passando per le tette come a volerle dividere in due.
"Aaammmhhh, no, non ci siamo!"  sussurra l'audace, scuotendo la testa, non soddisfatto dello scisma delle tette.
MR asserisce e spera in qualcosa di più sobrio.
"Vediamo un po' questi?"  è la volta di uno short verde fogna in dentelles d'abord e top arancione tramonto con scollo a tuffo.
"Naaaaaa, non è abbastanza trash!" chiosa lo sfrenato, scrutando MR dalla testa ai piedi, puntando alle ovaie.
MR lo guarda torva.
"Questi, questi possono andar bene!" si accanisce alzando il tiro, accorciando drasticamente la lunghezza di una minigonna già di suo quasi inesistente e strizzando il busto di MR in un corsetto verde acido, a dar luce al conseguente pallore del viso, e giacchina animalier.
MR, che si sente come in mutande in mezzo ad un incrocio, al mercato ortofrutticolo, alla sagra della bistecca... fate un po' voi, avvolta da sconforto funereo, cerca di contrastare l'inarrestabile costumista,  argomentando efficacemente e con brio:                                                                                          
"Ma, no, ehm, scusi, sono praticamente in mutande... Io sono timida... Mi faccia provare qualc... ".                               
"Sì, ora ci siamo! Sotto la gonna dovrà indossare queste calze a rete auto reggenti e scarpa azzurro scintilla tacco dodici!"
MR ha lasciato la sartoria diretta in un negozio di intimo, dove ha comprato un paio di calze cinquanta denari e mutandoni della nonna; il tutto super coprente.
Per completezza di informazioni, seguono immagini della mise finale e della danza tribale:






18 commenti:

  1. Ciao MR ahah, complimenti bellissima mise, perlomeno adatta al ruolo che devi interpretare, chissa' come vi divertirete a ballare, bell'evento, brava, bisogna rovare un po' tutto;)
    ciao grazie buon week end a presto rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Divertentissimo, rosa, anche se molto faticoso. Pensa che durante tutta l'opera abbiamo sei cambi di costume, oltre a correre di qua e di là, saltare, ballare e ovviamente cantare. Buona domenica. Baci.

      Elimina
  2. Ehehehehe :-) ti hanno proprio conciata per le feste, cara EmRose :-) la pelliccetta di leopardino metropolitano è molto sciccosa :-) non farti vedere da Gea e Tremor combinata così, se no chissà cosa ti combinano...

    A parte gli scherzi: nemmeno il più folle dei costumisti riuscirebbe a scalfire la tua classe, sei sempre elegante :-)

    Bacini trash :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Gilli, tu sei sempre molto caro! Gea e Tremor quel leopardi o sintetico lo avrebbero guardato con sufficienza o magari ci avrebbero fatto un bisognino su. Baci.

      Elimina
  3. Se vi serve una strega in più...

    RispondiElimina
  4. Mmmmm, Sara, avevamo anche quelle in panchina ;)

    RispondiElimina
  5. Devo dire che, per quanto un po' discinto, il costume è azzeccatissimo e credo che proprio le streghe riscuoteranno un grande successo personale di pubblico e critica ^_^
    Ciao, gentile MR e complimenti per la tua attività artistica, che ha tutta l'aria di essere una professione.

    RispondiElimina
  6. Grazie, guardiano! In effetti le streghe hanno riscosso gran successo e direi, autoreferenzialmente, meritato ;). Il mio non ha solo l'aria di essere un lavoro, lo è a tutti gli effetti. Timbro il cartellino tutti i giorni. Un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho una certa dimestichezza col mondo dello spettacolo, per cui ti rinnovo i miei complimenti sinceri!

      Elimina
  7. Beh...mi sembra che alla fine l'interpretazione non è niente male!
    E poi credo che il costumista alla fine ha avuto davvero un certo "occhio scenografico"!

    Complimenti comunque...sinceramente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, pino... Sai lui è abituato ;)

      Elimina
  8. Ecco...ora ho finalmente capito perchè seguo sempre la mia coscienza...se è gnocca così...:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bibi, grazie del coscienzioso complimento! ;)

      Elimina
  9. hahaha! una mise perfetta, direi, dato che , timida o no, te la puoi decisamente permettere :-) forse darà vita ad una nuova MR (purchè non ti tolga la verve di scrittrice!)

    RispondiElimina
  10. Ciao Lila! Che bello ritrovarti! Grazie. A presto!

    RispondiElimina
  11. Mhhh.
    L'idea che mi sono fatta in questo tempo di MR è quella di una persona molto dolce e pacata. Una MR con gli autoreggenti mi sa di strano.
    Buona serata!

    RispondiElimina